Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

La festa Patronale - 20 e 21 Agosto 2012

Festeggiamenti in onore di Maria SS Assunta in Cielo e San Rocco Confessore

San Rocce e Maria SS AssuntaL'annuale celebrazione dei Santi Patroni ha sempre rappresentato per Vitigliano un importante momento religioso e culturale della sua vita sociale: le date del 15 e 16 agosto, perno della stagione estiva, e le due successive, relative ai festeggiamenti veri e propri, si presentano allo straniero come l'emblema dell'orgoglio e del costume storico del paese, capace di riconoscere nelle proprie tradizioni l'appartenenza alle stesse radici.

Leggi tutto...

 

La Festa di San Luigi

Festeggiamenti in onore di San Luigi Gonzaga

Il 21 giugno si festeggia San Luigi Gonzaga, compatrono di Vitigliano insieme a Santo Rocco e alla Madonna dell’Assunta, celebrati religiosamente nei giorni del 15 e del 16 agosto. La devozione per San Luigi Gonzaga, protettore dei più giovani, ha radici lontane e molto salde nella comunità vitiglianese. Nato nel 1568, figlio del Duca di Mantova, appena diciassettenne, Luigi rinunciò al titolo nobiliare e alla carriera militare destinatagli in qualità di primogenito, abbracciando invece la vita religiosa ed entrando a far parte della Compagnia di Gesù a Roma. Quella di Luigi Gonzaga fu una vita breve, stroncata nel 1591 a soli 23 anni dalla peste, malattia contratta a seguito delle cure che il giovane prestò offrendo soccorso ad un moribondo abbandonato in strada. La proclamazione a santo risale al 1726, per mano di papa Benedetto XIII. A Vitigliano, la statua raffigurante San Luigi Gonzaga è custodita nella Chiesa di San Michele Arcangelo, dove ogni 21 giugno si raduna la comunità dei fedeli per prendere parte ai solenni festeggiamenti.

Leggi tutto...

 

Le "Taulate de San Giuseppe"

Non sappiamo dire quando San Giuseppe divenne protettore dei poveri, certamente prima che la sua festa fosse inserita nel Breviario Romano con vincoli precettivi e molto prima che Pio IX attricuisse a San Giuseppe il titolo di Patrono della Chiesa Cattolica. Per certo sappiamo che i poveri lo hanno sempre festeggiato con grande devozione perchè hanno visto in Lui l'artigiano, l'umile predestinato che visse nell'oscurità del padre putativo i misteri della Madonna e di Gesù.
Probabilmente fu invocato durante un tremendo periodo di carestia alla fine del quale la gente sopravvissuta istituì una festa di ringraziamento per grazia ricevuta; successivamente la festa fu tributata al Santo anche per invocare grazie future e ancora oggi, in mlte località del Sud, il 19 marzo di ogni anno, San giuseppe è venuto con grandi manifestazioni di fede che spesso coinvolgono intere comunità, nel Trapanese, per esempio, gli "Altari di San Giuseppe"sono soggetti ad un rito ben preciso che ha inizio molto tempo prima della festa con una "questua" tra poveeri che sere a raccogliere i fondi necessari per l'allestimento vero e proprio.

Leggi tutto...